ederdisia.com

In evidenza:


Entrelacs du rêve

(Atmosphere Records, AR004)

Entrelacs du reve

BUY!








  facebook Instagram last.fm

Reverbnation youtube _logo



PORTFOLIO

disoitri
sonia
doberdò
21.3.08
phalène d'onyx
great simone
trav
disobosco
korita



Sous la robe bleue
  1. L'ART ET LA MORT
  2. La nascita di SELENE
  3. Il cammino di AUTUNNA
  4. CARESSES AUX CŒURS 
  5. La morte di VIRGINIA
  6. SLOW RAIN (il prato dei sogni finiti)
  7. D.D. 

Sous la robe bleue 

Si tratta di un concept album piuttosto particolare, uno psicodramma vissuto da una giovane donna, la quale, lungo l’intero percorso della sua autoanalisi si identifica con varie figure di immaginari personaggi femminili – raffiguranti ognuno un diverso momento della sua esistenza – e che, incapace di trovare l'amore di cui aveva bisogno per vivere, finisce per morire a causa di tale mancanza. La sua è da considerarsi una morte dell’anima, della capacità di esprimersi e di comunicare con il mondo; ma la spirito della giovane donna vivrà comunque per sempre (“[…] I suoi occhi bruciano ancora” – Slow Rain).


"Lassù, nella mente, una bambina piange sotto l'abito blu..."

Virginia, l'acerbo dolore dell'incompiutezza. Un nome forse un po' troppo antico per questi tempi, dà l'idea di qualcosa di puro, di ingenuo, di incontaminato, ma conseguentemente rimanda a qualcosa di inadatto, di illusorio, di destinato a mutare contro natura per uno "strano" disegno di vita. La sua è una morte dell'anima, qualcosa di triste e straziante, come il suono di un clavicembalo.

Un'ovattata sinfonia accompagna il lento cammino dell'ancora dolce e fragile Autunna. La sua è una morbida danza modulata in una natura altrettanto inquieta e sensuale, alla ricerca di un calore che possa sciogliere tutte le sue paure. Autunna alla fine si stempererà nel Sole, la freschezza di una rosa l'attornierà per sempre...

La necessità d'amore è alla base anche della vita di Selene, ma lei non otterrà neppure il calore del Sole - e non le basterà una vita per raggiungerlo - perché "[…] non è d'oro, ma d'argento": il suo dramma è di essere nata tradendo le aspettative del padre. Questa nuova leggenda sulla nascita della luna e sul sole è un motivo per raccontare una storia molto umana.

L'omaggio va a coloro i quali con la loro arte ci permettono di vivere.

Dans le cercle intérieur du royaume calcaire des Images,
à ce point subtil où l’œil de la conscience, sans se perdre, darde un extrême feu,
là où le nerf abandonne enfin la pensée, qui repose Dieu sait dans quelles stratifications astrales,
la MORT gît
comme le dernier sursaut
d’une connaissance
pleine de transes
mais ARRETEE.

(Antonin Artaud, da L’Art et la Mort , 1929)

(Nel cerchio interno dal calcareo regno delle Immagini/ nel preciso istante in cui l’occhio della coscienza, senza smarrirsi, lancia un estrema fiammata/ là dove i nervi abbandonano finalmente la mente, che riposa Dio sa in quali stratificazioni astrali,/ giace la MORTE / come ultimo sussulto/ di una conoscenza/ piena di ansie/ ma  INTERROTTA.)


Sous la robe bleue è forse soltanto una galleria di specchi dove molte vite hanno impresso fugacemente le loro storie cercando di dare voce ad una "violenta" vita interiore, ad "esterne" emozioni che si possono vivere nel profondo... Tutto è mostrato sotto "l' abito blu", quel piccolo cielo naif che fa da sfondo nelle favole...


Autunna et sa Rose - Via Eridania 179/D - 45030 S. M. Maddalena (RO) - Italy
autunna@libero.it - www.ederdisia.com